IL CONDOMINIO

ANTENNA CENTRALIZZATA E OBBLIGO DI ALLACCIAMENTO

Recentemente ho tenuto un’assemblea condominale dove è stata approvata a maggioranza l’installazione dell’antenna satellitare, punto messo all’ordine del giorno. Un condomino, che ha installato un impianto personale con antenna sul balcone, ha fatto sapere che non intende allacciarsi all’impianto del condominio e non pagherà la quota di sua competenza. E’ corretto questo suo comportamento? Si può costringere il condomino ad allacciarsi all’impianto condominiale e far pagare la sua quota, avendo l’assemblea approvato a maggioranza l’impianto? Sull’argomento c’è qualche sentenza?
L’art. 2 bis della Legge n. 66 del marzo 2001 prevede che, per l’installazione di un nuovo impianto di antenna satellitare, è sufficiente una delibera assembleare approvata con la maggioranza di cui al 3° comma dell’art. 1136 c.c., e cioè con un terzo dei millesimi, al quale corrisponde un terzo dei partecipanti al condominio, anche quando l’installazione comporti una spesa elevata e modificazioni delle parti comuni.
Mentre chi era già collegato alla vecchia antenna dovrà necessariamente partecipare alle spese del nuovo impianto, al contrario, il condomino che non era collegato e che non intende usufruire del nuovo impianto satellitare rimane libero di non partecipare all’utilizzo e, di conseguenza, alle spese della nuova installazione, continuando ad utilizzare l’antenna propria.
La risposta al suo quesito sarà dunque positiva o negativa a seconda della circostanza su indicata (collegamento alla vecchia antenna), circostanza che lei non precisa, e che può essere indipendente dal fatto che il condomino ha installato un’antenna personale.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna