OCCHIO PARLANTE INTERVISTE

2009 - REGIONE PUGLIA: PIETRO LOSPINUSO 

La Puglia si prepara al rinnovo del Consiglio regionale previsto nell’imminente primavera del 2010. 
Quale è stato il lavoro svolto in questo quinquennio dalla Giunta presieduta da Nichi Vendola?


Lo abbiamo chiesto a Pietro Lospinuso, dal 2005 riconfermato Consigliere regionale nelle fila del PdL.

Un bilancio fallimentare: il piano della sanità che noi abbiamo lasciato con un bilancio in attivo nel 2005 di 9 milioni 136 mila euro, lo dice la Corte dei Conti, ha 2 miliardi e 600 miloni di debiti.
Lo ha detto lui stesso - riferendosi al Presidente Vendola - di aver fallito nel momento in cui ha licenziato l’Assessore alla programmazione, alle Attività produttive, all’Agricoltura, al Turismo, alla Formazione professionale, all’Ambiente.
Questi sono tutti settori strategici e se sono stati azzerati, vuol dire che sono stati fallimentari. Stiamo vivendo un’emergenza con i trattori per le strade e nessuno dice che la Puglia avendo a disposizione 1 miliardo e 600 milioni di euro di fondi comunitari, ne ha spesi solo 87 milioni, segno della incapacità di questo Governo.
Vendola ha licenziato il Direttore generale dell’acquedotto che lui ha nominato e lo stesso per altri direttori generali delle Asl. La Regione ha perso oltre 150 milioni per la formazione professionale.
 

Cosa si potrebbe salvare?

Non saprei, una Giunta che doveva dare una svolta dal punto di vista sanitario, azzerando le liste di attesa, annullare i ticket, dare lo stipendio ai disoccupati, non ha fatto nulla.
Si evince il fallimento dagli stessi alleati come L’Italia dei Valori che ha detto che se c’è Vendola non ci sta, l’Udc ha preso le distanze, lo stesso PD ha difficoltà a ricandidare Vendola.
 

A proposito dell’Udc, che orientamento crede si seguirà nella nostra Regione?

Ci sono i presupposti di un avvicinamento. Credo che discutendo i programmi, l’elettorato dell’Udc sia molto più affine alla nostra politica.
 

Nell’ipotesi di un Centrosinistra allargato?

Il Segretario dell’Udc Lorenzo Cesa, di fronte all’autoricandidatura di Vendola, ha detto che con Vendola mai.
Credo che, da parte del Pd, non accettare Vendola, sarebbe implicitamente ammettere il fallimento di 5 anni di amministrazione, perchè i responsabili dei settori strategici erano del Pd.
Non credo ci siano i presupposti per un Centrosinistra allargato, a meno che il Pd non decida di sacrificare Vendola.
 

Quale il ruolo dell’Opposizione in questo Governo regionale?

Un atteggiamento di controllo, costruttivo, personalmente con il collega Tagliente, ci siamo impegnati, sull’unico atto del Consiglio regionale che individuava Taranto come Zona Franca urbana.
Un ruolo di mediazione con il Governo Berlusconi che ha sbloccato la questione dei dragaggi al porto di Taranto; lo ha anche riconosciuto, con onestà intellettuale, il Sindaco di Taranto Ippazio Stefàno.
 

Cosa è stato fatto per la provincia di Taranto?

Dal 2004 c’erano a disposizione 56 milioni di cassa per il risanamento dei Tamburi e Statte, oggi sono stati stornati a Lecce e ne restano a malapena 10 milioni; per l’infrastrutturazione sanitaria a Lecce sono andati 115 milioni, a Taranto solo 15.
 

Cosa si potrebbe fare?

E’ impensabile risolvere il problema ambientale chiudendo l’Ilva o la Raffineria, bisogna costringere a fare investimenti tecnologici. La legge delle diossine ha visto il consenso di tutti, ma occorre tutelare anche il lavoro.
 

Chi vorreste in coalizione e chi no?

Guardiamo a tutti i partiti che non si riconoscono nel Centrosinistra, che vogliono condividere un percorso di rilancio, all’Udc, alle forze di Centrodestra e civiche, stanche di questo governo regionale.
 

La ritroveremo nelle liste elettorali regionali?

Penso di si, presenterò il consuntivo della mia attività e i cittadini decideranno. Noi siamo fiduciosi, l’opinione pubblica farà mente locale di ciò che si è fatto e cosa no.
E’ sotto gli occhi di tutti il fallimento di Vendola!

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Lucia Pelagi: Amata terra mia
LUCIA PELAGI: AMATA TERRA MIA  Lucia Pelagi nasce a Grottagli...
Banner

SPECIALI

Le prelibatezze tipiche pasquali nelle tradizioni di un territorio
LE PRELIBATEZZE TIPICHE PASQUALI NELLE TRADIZIONI DI UN TERRITORIO La Pasqua vive, a prescin...
Banner

PAGINE UTILI

STUDIO DOTTOR LUIGI CARELLA SPECIALISTA IN CARDIOLOGIA - TARANTO
STUDIO DOTTOR LUIGI CARELLA SPECIALISTA IN CARDIOLOGIA - TARANTO ...
PANIFICIO FOCACCERIA GASTRONOMIA LA BAGUETTE - SAN VITO (TARANTO)
PANIFICIO FOCACCERIA GASTRONOMIA LA BAGUETTE - SAN VITO (TARANTO)&n...
BAR ARGENTO - STATTE (TARANTO)
BAR ARGENTO - STATTE (TARANTO) Bar Argento, per i vostri momen...
MACELLERIA OLINDO CARNI - TARANTO
MACELLERIA OLINDO CARNI - TARANTO  Olindo Carni nasce n...
FOLDER IMMAGINE SRL - TARANTO
FOLDER IMMAGINE SRL - TARANTO Folder Immagine srl è nata nel ...
PASTICCERIA LA PANNA - TARANTO
PASTICCERIA LA PANNA - TARANTO Con la Pasticceria La Panna dol...
Antonella Zinno: la realtà con fantasia e colori
ANTONELLA ZINNO: LA REALTA' CON FANTASIA E COLORI Antonella Zinno ha studiato presso l’Accademia di Belle Arti di Bari, conseguendo il diploma in Scenografia. La propria attività inizia nel 1970 e, dopo una breve pausa, riprende ...